Vini(d)Amari

Pubblicato da Luca Risso il 08/05/2012 in Degustazioni di vino, Vino

La partecipazione al consueto appuntamento con VinidAmare, rassegna dei vini e dei produttori liguri organizzata da AIS Liguria, mi ha lasciato molto perplesso.

Ci sono stati due grossi problemi a cui mi auguro si possa in qualche modo porre rimedio nelle prossime edizioni.

  1. Diversamente dagli scorsi anni, quando i banchi di degustazione erano disposti sul lungomare di Camogli, questa volta si è scelta una sala all’interno dell’Hotel Cenobio dei Dogi. Il problema in passato era il tempo che poteva essete bello, e quindi caldissimo con danno per la temperatura dei vini ed il benessere dei degustatori, oppure brutto con problemi ancora peggiori. La toppa però si è rivelata assai peggiore del buco. La sala predisposta per le degustazioni era in realtà quasi un lungo corridoio con due file di banchi di assaggio sui due lati maggiori e poco spazio in mezzo. Il risultato è stato che in poco tempo si è creata una calca atroce, in un ambiente caldo e poco arieggiato, dove per via del rumore era quasi impossibile sentire il produttore/interlocutore se non urlando.
  2. Occorre chiedersi a cosa/chi serve questo tipo di evento. Se l’idea è quella di presentare tutta la produzione d’annata, allora è profondamente sbagliata. E’ inutile disquisire sui vini che sono risultati nella quasi totalità dei casi ingiudicabili. Campioni di botte e vini maltrattati in vario modo per potere essere presentabili troppo presto hanno generato una enciclopedia di squilibri: solforose aggressive al naso, furibonde riduzioni, vini con profumi e sentori a dir poco curiosi, bocche spesso amare, acidità fuori controllo in eccesso o in difetto sono state più la norma che l’eccezione.

Bisogna smetterla con la cattiva abitudine di avere il “bianco” pronto per i primi turisti balneari. I nostri produttori hanno fatto passi da gigante per avere un’uva eccellente e una cantina efficiente, ma allora perché avvilire così tanto lavoro e mortificare un prodotto potenzialmente eccellente?

Tutto ciò mi duole assai, e mi duole ancor di più vedere che tale mancanza di rispetto nei confronti del vino si sia perpetrata con l’avvallo dell’AIS che più di chiunque altro dovrebbe averne cura.

 

Luk

 

 

Tags: AIS, AIS Liguria, camogli, Degustazione vini Liguria, Vini Liguri, vinidamare

1 Commento su “Vini(d)Amari”

  1. aldo scrive:

    Bravo Luca, concordo in pieno.

Lascia un commento

Devi essere registrato per inviare un commento.